Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti: continuando la navigazione ne accetti l'uso. Acconsento Vorrei maggiori informazioni
Naviga nel sito del Dipartimento:
Naviga nel sito della Didattica:

Stage e Tirocini

Cos'è un tirocinio

Lo stage, o tirocinio formativo e di orientamento nella terminologia di legge, è un periodo di formazione "on the job" presso un'azienda, che costituisce un'occasione di conoscenza diretta del mondo del lavoro oltre che di acquisizione di una specifica professionalità.

Al fine di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro nell'ambito dei processi formativi e di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro, il Dipartimento promuove, in attuazione di quanto previsto dalla vigente normativa, l'attivazione di stages non costituenti rapporti di lavoro presso Aziende o Enti Pubblici a favore di studenti laureandi. I vantaggi per lo stagista sono molteplici:

  • maturare una esperienza professionale nel mondo del lavoro
  • farsi conoscere nel mondo del lavoro e arricchire il proprio curriculum vitae
  • maturare i necessari crediti formativi per il curriculum universitario
  • un'occasione concreta di orientamento e ampliamento delle conoscenze professionali dei partecipanti o di completamento del percorso universitario.

Il tirocinio si svolge generalmente presso aziende convenzionate, anche se alcuni corsi di laurea ammettono una modalità di tirocinio detta tirocinio interno. Il tirocinante, durante il periodo di stage, è assistito da un responsabile di designazione aziendale (tutor aziendale) che lo segue nelle sue attività. E' prevista, inoltre, la figura di un responsabile didattico ed organizzativo dell'attività nominato dall' Università (tutor universitario). I vantaggi per l'azienda o l'ente che ospita un tirocinio sono anch'essi interessanti:

  • lo stage è completamente gratuito, non costituisce rapporto di lavoro, non obbliga
  • all'assunzione e la copertura assicurativa è a carico dell'Università
  • lo stagista è selezionato per far fronte a specifiche esigenze interne
  • rappresenta una opportunità per i datori di lavoro ospitanti, i quali potranno così individuare soggetti da inserire in futuro nel proprio organico
  • in caso di assunzione, si ha a disposizione personale già formato.

Ogni azienda può essere sede di un tirocinio esterno, a patto che sia convenzionata con il nostro Dipartimento. Gli studenti possono consultare la lista delle aziende già convenzionate (avendo cura di selezionare solo quelle relative alla propria area didattica) e contattare le aziende direttamente per richiedere la disponibilità e le caratteristiche dei tirocini offerti, oppure richiedere il convenzionamento di un'azienda di loro conoscenza tramite la stipula di una convenzione.

E' inoltre possibile consultare la sezione del sito relativa alle offerte di tirocinio per conoscere le ultime offerte di tirocinio delle nostre aziende convenzionate.

Le sezioni che seguono illustrano le regole generali di svolgimento per i tirocini aziendali all'interno del DISIM.

La tipologia e le modalita' di svolgimento dei tirocini possono pero' dipendere dallo specifico corso di laurea a cui lo studente e' iscritto (ad esempio, alcuni corsi di laurea potrebbero consentire anche tirocini interni oltre ai normali tirocini aziendali).

La lista seguente contiene collegamenti alle pagine che illustrano le modalita' di tirocinio per specifici corsi di laurea. Le stesse informazioni sono accessibili dalle pagine relative al proprio corso di laurea nella guida dello studente online. Per i corsi che non dispongono di un regolamento tirocini specifico e, in ogni caso, per le norme non esplicitamente modificate dal regolamento tirocini di un corso di laurea, si applicano sempre le regole illustrate di seguito in questa pagina.

Stipula di una convenzione aziendale

Per convenzionare un'azienda è sufficiente compilare l'apposito modulo di convenzione. Questo modulo llustra i contenuti dell'accordo con l'Università e gli obblighi delle parti. La convenzione ha una durata di tre anni e viene rinnovata tacitamente salvo l'invio di una disdetta da parte di entrambi i soggetti tre mesi prima della scadenza.

Il modulo di convenzione va consegnato, in originale e debitamente firmato e timbrato dai responsabili dell'azienda, direttamente alla Segreteria Amministrativa del DISIM (ufficio della sig.ra Antonina Silvestro), unitamente a due marche di bollo da 16 euro (DPR 642/72).

Attivazione di un tirocinio aziendale

Per avviare un tirocinio esterno presso un'azienda convenzionata (nal caso in cui il tirocinio si svolga presso un'azienda appena convenzionata, attendere almeno una settimana dalla consegna del modulo di convenzione perchè questo possa essere esaminato e approvato), è necessario compilare la prima parte del progetto formativo con tutte le informazioni relative allo stagista, agli obiettivi, modalità di svolgimento e durata del tirocinio, ai nominativi dei tutor aziendali e universitari, agli estremi delle assicurazioni, e al settore aziendale di riferimento.

Il modulo suddetto andrà anche firmato dal tutor universitario, che lo studente avrà cura di contattare personalmente (scegliendo tra i docenti di area più affine alla tipologia dello stage).

La prima parte del progetto formativo va consegnata, in triplice copia originale, direttamente alla Segreteria Amministrativa del DISIM (ufficio della sig.ra Antonina Silvestro) almeno 15 giorni prima della data di inizio del tirocinio vero e proprio (come indicata nel modulo stesso).

Conclusione del tirocinio esterno e riconoscimenti crediti

Al termine del tirocinio, l'azienda dovrà rilasciare al tirocinante una dichiarazione sulle competenze acquisite, necessaria per il conseguimento dei crediti di tipologia F, nonché ai fini di un arricchimento del curriculum professionale. Questa dichiarazione andrà effettuata compilando opportunamente la seconda parte del progetto formativo. Le moodalità di consegna e compilazione di questa parte dipendono dallo specifico corso di laurea.

Va sottolineato che la consegna della relazione finale va effettuata con un certo anticipo rispetto alla data di una eventuale seduta di laurea, nel caso in cui il tirocinante sia un laureando, per dare modo al CAD di poter deliberare la relativa attribuzione di crediti. Inoltre, poichè i crediti F concorrono al raggiungimento delle soglie minime di crediti previste per l'accesso a numerose borse di studio, gli studenti interessati dovranno consegnare le domande di riconoscimento crediti con un certo anticipo rispetto alla data di assegnazione delle borse, tipicamente il 30 settembre

Diritti e doveri del tirocinante

Lo stage è un inserimento temporaneo finalizzato all'orientamento delle scelte professionali del tirocinante o all'acquisizione di un'esperienza pratica aggiuntiva rispetto alle sue conoscenze. Il tirocinante potrà conoscere così l'organizzazione del lavoro, le procedure, le tecnologie impiegate in azienda mediante la partecipazione diretta alle attività lavorative.

La legge 196/97 chiarisce che il tirocinio non è un rapporto di lavoro subordinato, pertanto l'azienda ospitante non ha l'obbligo di assumere il tirocinante al termine del periodo di stage.

La legge non ha previsto obblighi retributivi, l'azienda può valutare l'opportunità di offrire un bonus anche allo scopo di incentivare il giovane a trarre massimo profitto dall'esperienza di stage nel contesto lavorativo.

Al tirocinante non possono essere richieste, nello svolgimento dei compiti affidatigli, prestazioni di produttività e di lavoro straordinario. L'impegno dell'orario, in coerenza con l'attività di tirocinio, è definita nel progetto formativo sottoscritto.

Il tirocinante durante il periodo di stage è tenuto a rispettare gli obblighi di riservatezza circa i processi produttivi e di altre notizie relative all'azienda di cui venga a conoscenza, sia durante che dopo lo svolgimento del tirocinio.

Occorre precisare che il tirocinante deve essere informato sull'eventuale sospensione o interruzione del tirocinio, sull'utilizzo dei servizi aziendali, sui periodi di riposo.

Infine devono essergli fornite le informazioni ai fini della prevenzione antinfortunistica e le condizioni di sicurezza e igiene previste dalla normativa vigente, compreso l'utilizzo di protezioni da infortuni.

Normativa e documentazione